Questa camminata podistica nel cui programma è inserita anche una prova competitiva è arrivata alla sua 43^ edizione, personalmente erano parecchi anni che non vi partecipavo poi Giove Pluvio fortunatamente ha deciso di risparmiarci l’innaffiata almeno a noi della ludico motoria. San Lazzaro (San Lazer in dialetto Bolognese) conta 32.535 abitanti nato sulla destra idrografica del Torrente Savena nel suo territorio si trova la Grotta della Spipola e il Parco dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi della Abbadessa uno dei principali complessi carsici dell’Europa occidentale, il suo territorio è percorso da alcuni importanti Torrenti come lo Zena l’Idice e appunto il Savena, poi è composto da una parte pianeggiante più una che comprende le prime colline bolognesi. Il ritrovo è presso il Circolo ARCI di San Lazzaro, si tratta di una bellissima struttura molto complessa dotata di un vasto parco pieno di animali domestici. La Partenza è alla “Francese” dalle ore 8.30 alle ore 9.00 lungo la Via Bellaria ma ne percorreremo un breve pezzo infatti alla prima strada svolteremo a destra in Via Martiri di Pizzo Calvo. Si corre immediatamente in salita in modo deciso, poco dopo Villa Rusconi incontriamo la stele dello scultore Luigi Mattei posta al ricordo dell’eccidio dei “Martiri di Pizzo Calvo” avvenuto il 3 Luglio 1944 ad opera delle SS dove furono fucilate otto persone civili accusate di aver fornito vettovaglie ai Partigiani, la barbarie avvenne durante la notte ai bordi del fosso, i corpi furono velocemente seppelliti sul posto mentre ai familiari venne data la notizia che i loro cari erano stati deportati nel Campo di Fossoli di Carpi (MO). Lasciata la stele entriamo nella località Villaggio Martino composto da splendide ville padronali, il percorso entra nella zona di pre-parco, alcuni miei compagni di società purtroppo a causa di una mancata segnalazione sbaglieranno tracciato finendo a ridosso dei calanchi allungando inevitabilmente la loro prova un vero peccato!!! Lasciamo l’asfalto per correre su di un sentiero ghiaiato stiamo per avvicinarci al punto più alto del percorso che è la Croara siamo a 216 metri sul livello del mare è una frazione di San Lazzaro dove si trova la Grotta della Spipola e su di una rupe gessosa le rovine del Castello della Croara. Si viaggia in discesa, sosta obbligata al ristoro poi giù sempre più velocemente, sulla nostra destra sfila l’Antica Trattoria della Croara dotata di un’ottima cucina tradizionale. Scendiamo fino ad entrare nel territorio della frazione Ponticella la quale fino negl’anni settanta era chiamata Miserazzano, molto probabilmente il nome Ponticella deriva da una passerella sul Torrente Savena. Correre nel parco che si sviluppa appunto lungo il Savena è veramente molto piacevole non incontreremo neanche tanto fango, alla confluenza dei due percorsi infiliamo il sentiero che sbuca alle spalle dell’Ospedale Bellaria proprio all’altezza dell’alta ciminiera alla nostra destra sfila la Casa dei Risvegli Luca De Nigris fondata nel 1997 in memoria di Luca De Nigris scomparso nel 1988 dopo 8 mesi di coma, la fine della camminata è imminente ultima svolta a sinistra, ci aspetta il lungo viale che porta all’Arrivo appena prima che parta la prova competitiva al cui appello è addetto il Buon Claudio Bernagozzi con una certa sorpresa mi accorgo che sulla linea di partenza è appostato anche Italo Spina fotografo ufficiale di Modenacorre. Approfitto dell’occasione per AUGURARE UNA BUONA PASQUA a tutti, le prossime camminate in calendario sono:

Sabato 20/4/2019
Polisportiva Modena Est (MO)
Du Pas Dre a Panera
km 3-6-9-10.5 Pianura Partenza ore 16.00
Lunedì 22/4/ 2019
Centro Sportivo della Barca (BO)
Camminata della Pasquetta Pianura Partenza ore 8.45
Km 3-7-10 anche Comp. Partenza ore 9.10
Giovedì 25/4/ 2019
Piazzale Allende Ozzano dell’Emilia (BO)
Camminata della Resistenza
Km 4-7-15 Collinare Partenza ore 9.00
Buona Corsa

Renzo Barbieri